Museo per tutti

Percorsi e materiali accessibili per garantire il diritto alla cultura delle persone con disabilità intellettiva

Il progetto Museo per tutti – Accessibilità museale per persone con disabilità intellettiva è un progetto ideato nel 2015 dall’associazione L’abilità, in collaborazione e con il sostegno di Fondazione de Agostini.

Il progetto è finalizzato alla realizzazione di percorsi specifici e guide di lettura facilitata all’interno di luoghi di cultura e mostre temporanee, al fine di rendere il patrimonio culturale fruibile anche da parte delle persone con disabilità intellettiva, sia bambini che adulti..

Museo per tutti ha la finalità di migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità intellettiva perché permette loro di vivere l’esperienza della visita al luogo di cultura come ogni cittadino, di percepire la bellezza del patrimonio culturale, capirla perché adeguatamente spiegata, interiorizzarla perché vissuta a livello cognitivo ed emotivo.

Ad oggi 18 luoghi di cultura italiani sono diventati accessibili alle persone con disabilità intellettiva aderendo al progetto Museo per tutti: la Galleria Nazionale di arte moderna e contemporanea di Roma, il Museo Nazionale Romano, il BEGO – Museo Benozzo Gozzoli di Castelfiorentino (Firenze) e Venaria Reale (Torino), Museo Archeologico San Lorenzo di Cremona, il Museo degli Innocenti a Firenze, il Museo delle Culture del mondo – Castello D’Albertis a Genova; e 11 Beni del FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano.

Il progetto si sviluppa in diverse azioni condotte da un’équipe composta da esperti in beni culturali e accessibilità e operatori nell’ambito psicopedagogico che, a partire dalle peculiarità di ciascuno dei luoghi di cultura aderenti, crea un percorso innovativo di formazione e progettazione condiviso e partecipato con il personale educativo per costruire una visita e una guida fruibile dalle persone con disabilità intellettiva. 

Museo per tutti è un progetto di inclusione sociale, che rispetta il principio della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità secondo cui è riconosciuto alle persone con disabilità il diritto a prendere parte con gli altri alla vita culturale.

Il lavoro di Museo per tutti supera i confini della disabilità e si occupa di inclusione in termini universali. Le guide, infatti, possono essere utilizzate anche da persone con BES, bambini piccoli, stranieri che si approcciano alla lingua italiana.

Questo progetto permette all’Italia di affiancarsi a Paesi come Stati Uniti e Gran Bretagna, in cui sono presenti e attive da tempo iniziative analoghe a beneficio delle persone con disabilità intellettiva.

Grazie alla consulenza fornita pro bono dallo Studio Legale Hogan Lovells il logo Museo per tutti nel 2017 è stato registrato all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi come marchio d’impresa.

A breve sarà on-line il nuovo sito internet dedicato al progetto – che risponde ai criteri di accessibilità del web ed è interamente accessibile anche in inglese – dove sarà possibile scoprire tutti i luoghi di cultura coinvolti nel progetto Museo per tutti e scaricare la guida accessibile.

X