Newsletter del 18 gennaio 2018

Strategie familiari nelle disabilità della prima infanzia
#PezzoDopoPezzo: perché uno Spazio Gioco
per i bambini con disabilità

Quando un bambino fatica a fermarsi, concentrarsi e rimanere seduto, non guarda ciò che le sue mani toccano o manipolano, non sembra interessato a ciò che lo circonda, non deambula e fatica
ad afferrare gli oggetti, non è in grado di esprimere verbalmente i suoi interessi
allora si pensa che non sia in grado di giocare.
Noi crediamo che non sia così. Ogni bambino, oltre i defcit legati alla sua patologia, custodisce dentro di sé il desiderio di giocare, di stare bene e divertirsi. Ogni bambino ha diritto a vivere
l’esperienza conoscitiva e immaginativa del gioco.
CONTINUA

Diritti negati, facciamo il punto

Oltre 2.500 segnalazioni ricevute e 470 casi di discriminazione gestiti durante i primi due anni di attività del Centro Antidiscriminazione Franco Bombrezzi.
CONTINUA

Nuovo Spazio Gioco: sei un pezzo importante

I lavori di ristrutturazione richiedono un anno di tempo e una spesa complessiva di 200mila euro per eliminare ogni tipo di barriera architettonica, progettare lo spazio in maniera adeguata per tutti i bambini.
DONA ORA

Il Diario di Anna Frank tradotto in simboli

La casa editrice
"La Meridiana" ha pubblicato un'edizione del "Diario di Anna Frank", tradotto in simboli per le persone con disabilità intellettiva. Il volume sarà presentato presso la Casa della Memoria di Milano il 25 gennaio.
CONTINUA

Associazione L'abilità onlus
Direzione e segreteria
Via Pastrengo 16/18 - Milano
Tel./Fax. 02.66805457
Hai ricevuto questa e-mail perché sei iscritto al nostro servizio di newsletter. Se hai qualche problema a visualizzare il contenuto, puoi vedere una copia sul nostro sito. Per cancellarti da questa newsletter, clicca qui.