Close

Durante il 2020 L’Officina delle Abilità, il nostro centro diurno per bambini con disabilità dai 5 agli 11 anni, non si è mai fermato: a gennaio abbiamo subito un furto e siamo ripartiti immediatamente, a marzo c’è stata la chiusura per l’emergenza sanitaria e subito ci siamo organizzati per supportare i genitori e strutturare le attività a distanza.
A maggio il nostro centro diurno è stato il primo a riaprire e con grande gioia abbiamo riaccolto i bambini.
Ad agosto i lavori di risistemazione per essere preparati con la ripresa di settembre.
Avremmo voluto raccontarvi di persona quanto fatto e quanto ancora da fare. Non è stato purtroppo possibile, ma non ci perdiamo d’animo.

Iniziamo un viaggio nell’Officina a partire dal progetto di riqualificazione, con il racconto di Meytal Cohen, la designer che ha seguito i lavori.

Prima di tutto, quali sono stati gli spunti per il progetto?

Siamo partiti da una serie di parole chiave che dal nostro punto di vista caratterizzano le attività del centro e che sono diventati i pilastri sui quali abbiamo costruito il progetto: forza, educazione, speranza e cambiamento. L’Officina delle Abilità è uno spazio importante per i bambini che lo frequentano: uno spazio di cura, di educazione, di gioco… Con la riqualificazione volevo dare ancora più forza a questa vocazione: ho voluto creare un’isola che potesse accogliere i bambini, come quella raccontata nella storia di Peter Pan. Volevo concretizzare una fantasia in uno spazio di realtà dove i bambini si potessero sentire liberi. Uno spazio nel quale potessero sentirsi a proprio agio e indipendenti. Uno spazio che potessero sentire come proprio.
Uno spazio di libertà che possa al tempo stesso diventare uno spazio di apprendimento.
Per riuscire a realizzare questo obiettivo e per creare uno spazio dedicato a bambini con disabilità abbiamo ascoltato e imparato i loro bisogni, per capire cosa riescono e non riescono a fare, eliminando ogni possibile ostacolo in modo da renderli indipendenti. E proprio in un contesto come questo possono apprendere e sperimentare le abilità che li accompagneranno nel percorso di crescita.

Quali elementi progettuali caratterizzano lo spazio?

Abbiamo provato a realizzare un ambiente confortevole e sicuro partendo da elementi semplici: i colori, le luci e alcuni elementi visivi e grafici. Questi ultimi sono sì elementi grafici, ma all’occorrenza possono essere anche utilizzati come stimoli e spunti per l’apprendimento.

Abbiamo inoltre lavorato per poter ridurre al minimo gli elementi che in uno spazio come questo possono generare disordine e “rumore”, aspetti questi di particolare importanza per alcuni bambini che frequentano il centro e che hanno bisogno di ambienti strutturati e dove possano muoversi con facilità.

Uno spazio di benessere quindi…

Certo! Speriamo che possa essere vissuto positivamente dai bambini ogni giorno!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>