Notizie

gruppo_nonni

Gruppo nonni: uno spazio d’ascolto e condivisione

Per l’abilità prendersi cura di un bambino con disabilità significa farsi carico delle sue esigenze e, allo stesso tempo, di quelle della sua famiglia: padri, madri, fratelli… con l’obiettivo di lavorare per il benessere del bambino e della famiglia tutta. Senza dimenticare naturalmente una figura fondamentale nelle dinamiche familiari: i nonni.

La loro presenza, soprattutto nella società attuale, è spesso quotidiana nella vita di una famiglia: sono di aiuto nella cura del bambino, diventano compagni di gioco, offrono supporto nelle situazioni di difficoltà, conforto di fronte a eventi imprevisti e dolorosi, speranza di fronte alla crescita e al futuro.

L’abilità anche quest’anno vuole offrire uno spazio di ascolto e condivisione dedicato ai nonni. Lo scopo è ascoltare e supportare componenti della famiglia generalmente dimenticati nei percorsi di sostegno alla famiglia di un bambino con disabilità.

Quando si parla infatti di aiuto alla famiglia, si è concentrati sulla disabilità del bambino e sullo stress genitoriale, tralasciando cosa hanno vissuto e stanno vivendo i nonni nell’accudire e pensare al proprio nipote, ai suoi limiti, a cosa diventerà da grande. I nonni così si confrontano nel gruppo sulle relazioni nella famiglia allargata, sulla fatica di capire come aiutare, sugli affetti da mettere in gioco con nuora e genero.

Il gruppo nonni riparte il prossimo giovedì 18 ottobre con i nonni e le nonne che vogliono iniziare questo percorso per non sentirsi soli di fronte alla disabilità. Ci si incontra una volta al mese presso la sede di via J. Dal Verme, 7 a Milano.

Chi è interessato a condividere con noi questo pezzetto di strada, può contattarci al numero 02 66805457 oppure scrivere una e-mail a [email protected]

L’iniziativa è stata attivata nell’ambito delle attività del progetto, promosso dal Comune di Milano, Famiglie Creative, (Progetto cofinanziato con fondi ex L. 285/97 – VI Piano Infanzia e Adolescenza – Comune di Milano).

Saranno attivati anche un gruppo dedicato a fratelli e sorelle e uno per i genitori.

 

 

X